Gerrymandering è una "nobile" tradizione USA (https://en.wikipedia.org/wiki/Gerrymandering)

Beh, forse qualcuno userebbe un termine che non è normalmente un sinonimo di "nobile" per definire la ristrutturazione dei distretti elettorali in modo da riuscir a vincere le elezioni...

...ma Gerrymandering è quello che mi è venuto in mente leggendo i bizantinismi (la "cifra" etc- ma che, le elezioni sono la macchina Enigma?) del nuovo Rosatellum.

Nei giorni scorsi ho pubblicato un paio di articoli in inglese per riassumere visivamente la complessità del nostro nuovo centauro elettorale (dovrei dire "Arcimboldo "- un centauro sarebbe un esempio di semplificazione!)

Ed avevo promesso di tradurli in italiano- ma poi ho pensato: siamo tra italiani, quindi invece di limitarmi a tradurre, perché non scrivere qualcosa di nuovo, riciclare le immagini, e per il resto affidarmi al nostro non comune senso del ridicolo?

Il primo: https://www.frype.com/blogs/post/Deconstructing-the-new-electoral-system-in-Italy-p_15404808 (71 lettori dentro frype/draugiem, non so quanti da twitter e facebook)

Il secondo: https://www.frype.com/blogs/post/Deconstructing-the-new-electoral-system-in-Italy-p_15409097 (73 lettori dentro frype/draugiem)

Ora, la nuova legge elettorale mi ricorda quando tradussi un testo teatrale dall'inglese, in cui il padre di Gesù parlava del suo punto di vista "stando su una sola gamba".

Di primo acchito, il testo ed i suoi bizantinismi mi han fatto pensare ad un segmento della Tabula Peutingeriana a cui mi interessai quando, ad inizio liceo, mi lanciai sulle strade di Roma nel mondo.

Ecco un segmento della "mappa mentale" che ho derivato dal testo del Rosatellum:

Ed ecco la mappa in tutto il suo splendore (scherzo):

 

Non vi sembra

(https://en.wikipedia.org/wiki/Tabula_Peutingeriana)?

 Va bene, vi risparmio la lettura ed il costo di un nuovo paio di occhiali, ecco la "tag cloud" della legge:

 

Un aspetto curioso è la "clausola di giovinezza"- a parità di voti, “vinca il più giovane” (Art 1 c 22, b ed h, e c 33; Art 2 c 7, b ed h): considerando che in generale in Europa si cercan di eliminare le discriminazioni, è divertente (vabbé, siamo in Italia, proprio stasera raccontavo come si negoziavano i voti dubbi con i rappresentanti di lista alcuni decenni fa, ai seggi)

Vi risparmio i miei commenti in cui comparavo il Rosatellum a quel miracolo che è più frequente dello scioglimento del sangue di San Gennaro- l'annuale "milleproroghe": mille prima era un'esagerazione, adesso è una sottostima... ma anche qui onoriamo una tradizione che negli USA chiamano "pork barreling" (https://en.wikipedia.org/wiki/Pork_barrel), cosa che da noi è comune almeno dalle elezioni nell'Antica Roma...

Comunque, Gerrymandering e Pork Barreling normalmente hanno uno scopo: vincere le elezioni.

Con il Rosatellum e tutto il melodramma che ha accompagnato la sua definizione... siamo riusciti a superarci.

Conoscete altri che riescano a far una legge così contorta, eppure far sì che, come simulato dalla Camera dei Deputati, non si riesca neanche a definire chi vince?
 

(testo della simulazione: http://www.repubblica.it/politica/2017/12/13/news/senato_senza_una_maggioranza_non_ci_sono_i_numeri_per_fare_un_governo-183970766/)

Come ho scritto in inglese, qualunque cosa in Italia non è mai definitiva sino a quando il tempo è già scaduto- quindi, da quando lo studio è stato pubblicato, siamo riusciti ad a avere un nuovo partito politico di sinistra (con il Presidente della Camera e del Senato ed una collezione di residuati burocrati di partito pre-Mani Pulite dell'ex-PCI- inusuale in qualunque altro paese), un candidato area ex-DC che fornisce la sponda ad un partito area ex-Partito Radicale, ed altre amenità.

Tre mesi sono un'area geologica, nella politica Italiana, e quindi in inglese indicavo che i nostri partner europei non devon disperare: abbiamo un'eternità davanti a noi per poter giocare a sedia musicale ed inventare, nel caso peggiore, una coalizione... post-elettorale (altra specialità italiana che stiamo esportando con un certo successo).

Anche qui, abbiamo un tradizione imbattibile: in UK, chi cambia partito deve “attraversare” fisicamente i locali e ricevere “congratulazioni” sia da chi lascia sia da chi abbraccia.

In Italia, sarebbe semplicemente impossibile: 524 volte in 5 anni di legislatura, il 35% dei Membri del Parlamento ha cambiato casacca almeno una volta- altro che fischi, ci vorrebbe un vigile stile Ponte di Rialto a Carnevale...

http://espresso.repubblica.it/palazzo/2017/09/20/news/la-legislatura-dei-voltagabbana-in-parlamento-un-cambio-di-casacca-ogni-3-giorni-1.310381

Per prepararmi spiritualmente, nella settimana che inizia l’8 gennaio pubblicherò due recensioni di libri sulla politica italiana che ho acquistato recentemente, oltre a due recensioni di un paio di libri che sto rileggendo.

Quali?

Altri libri (vecchi e nuovi) seguiranno nei prossimi due mesi.

Come scrivo di solito in inglese in questi casi... “stay tuned”

Buona settimana!